L’8 marzo, giornata internazionale della donna, le DONNE del cibo avvieranno una serie di interviste, incentrate su temi di competenza delle singole professioniste che fanno parte del gruppo e che avranno luogo al lunedì, alle 18,30 in diretta Facebook.

Imprenditoria femminile per una filiera sostenibile” è il filo conduttore dei primi quattro incontri che saranno curati, a marzo, dalla sottoscritta.

La filiera alimentare, con la produzione della materia prima, la trasformazione, la vendita e l’utilizzo dei prodotti, unisce imprese di agricoltura, industria, commercio, ristorazione e turismo.

Ma come operano le imprenditrici per renderla sostenibile? Qual è la loro visione e quali strategie adottano per valorizzare e sviluppare le loro attività?

Raccoglierò quindi racconti, testimonianze, percorsi e obiettivi di imprenditrici dei diversi comparti che, inseguendo con impegno e caparbietà sogni e passioni, sono riuscite a fare la differenza e a dar valore alla produzione agroalimentare dei loro territori, dal Nord al Sud del paese.

Ad apertura del ciclo di incontri, l’8 marzo, ci saranno due rappresentanti dell’agricoltura di Polcenigo, nel pordenonese: Annalisa Celant, allevatrice di bovini, casara, che, con la sorella Jessica gestisce il Caseificio Dalle Celant e d’estate in malga produce il Çuç di mont, formaggio presidio Slow Food e Sarah Pasut, giovane allevatrice di capre, casara, titolare dell’azienda Re Caprone.

Per il successivo segmento della filiera e cioè per l’industria, il 15 marzo ci sarà invece Laura Cavallo, artigiana panificatrice di Collegno -TO, titolare del micro panificio Dipinti di Pane, che ha fondato la sua attività su etica e sostenibilità e ha reso partecipi i suoi clienti di un circolo virtuoso.

Il 22 marzo sarà la volta di Teresa Armetta, titolare con il marito della Gastronomia Armetta di Palermo, formatrice e “bottegaia” che sostiene l’importanza delle botteghe di quartiere per la vita sociale in città e per la promozione dei prodotti alimentari d’eccellenza dell’entroterra.

L’incontro conclusivo vedrà la presenza di Paola Schneider, ristoratrice e albergatrice di Sauris -UD, nella montagna friulana, titolare dell’Albergo Riglarhaus, che ha impostato la sua cucina e la sua ospitalità proprio sulle produzioni agroalimentari locali e su quanto offerto dalla natura.

Il secondo ciclo di interviste di DONNE del Cibo, in programma ad aprile ed inizio maggio, sarà curato da Elena Consonni e Francesca De Vecchi e, con la partecipazione di tecnici esperti di settore, verterà invece sul tema “Alimentazione consapevole dal punto di vista della sostenibilità, della salute e dell’informazione.

A maggio, Maria Teresa Gasparet tratterà invece di “Vini naturali ed etici e sostenibilità nel comparto vitivinicoloin tre appuntamenti con imprenditori ed esperti e a seguire, nel mese di giugno, Alessandra Disnan intervisterà imprenditrici e professioniste di un settore particolarmente in difficoltà a causa della pandemia, in tre incontri sul tema “Reinventarsi nella ristorazione con uno sguardo al futuro”.

E dopo la pausa estiva, tante altre novità!

1 marzo 2021